Autore: admin

Capelli bianchi? Questi i migliori rimedi per coprirli

Siamo sinceri, a meno che non si è Richard Gere, Sean Connery o Yasmina Rossi, i capelli bianchi creano molto poco fascino e danno un aspetto di abbondante, troppa vecchiaia. Le persone più fortunate devono interfacciarsi con questo problema solo con l’avanzare degli anni, altre invece vedono comparire i primi segni della canizie già intorno ai trent’anni, se non anche prima. A meno che l’origine di questo inestetismo non sia dovuto a una specifica ereditarietà genetica, di solito la causa dell’incanutimento è legata a fattori biologici, di stress, ormonali, di circolazione sanguigna e di alimentazione. Vediamo i rimedi migliori per ogni causa.

I rimedi contro i capelli bianchi dovuti a fattori biologici

Con l’avanzare dell’età i capelli imbiancano perché nei follicoli piliferi diminuisce la melanina. Quest’ultima è un pigmento che, proprio come succede con la pelle quando ci abbronziamo, serve a scurire i capelli e far loro assumere il colore che li contraddistingue. Man mano, purtroppo, la melanina contenuta nei follicoli piliferi tende a calare e quindi i capelli iniziano a perdere pigmentazione e si imbiancano. 

Quando ormai il nostro corpo non ne vuole più sapere di produrre melanina e iniziano a moltiplicarsi i capelli bianchi, il rimedio più efficace è quello di coprirli con colorazioni permanenti. Non tutte le tinte sono aggressive ed esistono prodotti privi di ammoniaca e di altri agenti aggressivi, oppure contengono sostanze che nutrono il capello e bilanciano la destrutturazione provocata dalla tintura, clicca qui per maggiori informazioni e saperne di più sulle tante possibilità del mondo delle colorazioni.

Chi non vuol sentir parlare di tinture, può anche provare prodotti totalmente naturali o i classici trucchetti della nonna. Per scurire i capelli si può per esempio ricorrere al rimedio a base di cacao o di caffè, basta miscelare uno dei due ingredienti col miele per ottenere una maschera scurente da lasciare in posa sui capelli per circa un’ora.

I rimedi contro i capelli bianchi dovuti all’alimentazione

Alcune vitamine fondamentali, come la B, metalli, come ferro e rame, e non metalli, come lo iodio, aiutano a rallentare la comparsa dei capelli bianchi. Avere una dieta sana e un’alimentazione varia possono ritardare la canizie perché si mantiene il corpo sano, favorendone il corretto funzionamento ed evitando la comparsa di problemi collaterali. 

Per la salute generale dei capelli non devono mai mancare le proteine, da cui si ottengono gli aminoacidi, i quali assolvono a diverse funzioni e favoriscono, inoltre, la produzione della melanina. Prima di proseguire è bene chiarire che se i capelli diventano bianchi c’è ben poco da fare, la produzione della melanina non può essere riportata indietro ma, come abbiamo visto, rallentata (nel frattempo l’uso delle tinture copre i primi segni della canizie).

I rimedi contro i capelli bianchi dovuti allo stress, a problemi ormonali o di circolazione

Nel caso in cui i capelli bianchi siano invece dovuti ad altri fattori, e uno dei campanelli d’allarme è la loro comparsa fin troppo prematura, il rimedio non può consistere nelle sole tinture perché è importante risolvere il problema alla radice. Lo stress, i problemi ormonali o la cattiva circolazione sanguigna possono causare la comparsa dei capelli bianchi. Per tutte queste cause il consiglio è quello di rivolgersi a un medico, anche se alle volte bastano piccole accortezze per migliorare la condizione fisica e scongiurare l’avanzare dell’incanutimento.

 

Read Full Article

Non tutti sono fortunati e hanno una pelle luminosa e impeccabile. Tuttavia, ciò non significa che sia un'impresa impossibile da raggiungere. Ottenere una pelle perfetta è facile come camminare in cucina, posto in cui è facile trovare gli ingredienti giusti per coccolare la pelle.

Nonostante tutti abbiamo una normale routine detergente-tonificante-idratante che seguiamo religiosamente, la pelle ha bisogno anche di cure e attenzioni extra ogni tanto per apparire sana e idratata. Problemi della pelle come pigmentazione, acne, imperfezioni e segni di invecchiamento precoce tendono a ridurre la salute della pelle. Pertanto, è importante cercare rimedi naturali e mantenere il gioco della pelle forte. Ecco alcuni rimedi casalinghi facili da aiutare per sfoggiare una pelle perfetta.

Cubetti di ghiaccio al tè verde

Il tè verde non fa solo bene al corpo ma anche alla pelle. Le proprietà antinfiammatorie e antibatteriche presenti nel tè verde aiutano a curare l'acne e sbloccare i pori. Le catechine nel tè verde riducono arrossamenti, gonfiori e irritazioni della pelle. È un meraviglioso ingrediente per la cura della pelle per tutti coloro che desiderano una pelle perfetta . Il tè verde aiuta a ricostituire le cellule della pelle lasciandoti con un bagliore sano e giovane. Insomma un toccasana per salute e benessere.

Acqua di rose

I vantaggi dell'utilizzo regolare di un impacco viso all'acqua di rose possono aiutare a ottenere una pelle perfetta . Dal mantenimento dell'equilibrio del pH della pelle e il rafforzamento delle cellule della pelle al nutrimento e idratazione della pelle, questo prodotto miracoloso è senza dubbio la pozione magica del mondo della bellezza. L'acqua di rose è l'ingrediente più versatile che può funzionare sia come nebbia che come toner per alleviare gli occhi stanchi e gonfi e funge da scudo per prevenire la pelle dai fattori ambientali difficili.

Aceto di mele per una pelle perfetta

Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, l'aceto di mele può essere usato come toner per trattare le screpolature della pelle. E non è tutto! L'aceto di mele è un elisir miracoloso che aiuta a esfoliare la pelle , leviga la grana della pelle e assorbe la formazione di olio in eccesso. È uno dei migliori rimedi naturali per ottenere una pelle perfetta . Usa questo pacchetto viso una volta al giorno per risultati efficaci.

Latte

Ricco di vitamina B, calcio e altri potenti antiossidanti, il latte crudo deterge in profondità la pelle lasciandola fresca e ringiovanita. Se hai la pelle grassa , il latte crudo è uno dei migliori ingredienti che aiuta a eliminare l'eccesso di sebo dai pori della pelle . Il latte crudo è anche noto per essere un agente anti-acne che lavora per mantenere naturalmente l'acne sotto controllo. Coccola la tua pelle con latte crudo due volte o tre volte alla settimana per una pelle perfetta.

Read Full Article

La cellulite è un inestetismo che generalmente non viene accettato da chi lo ha visibile nel proprio corpo. Quando alcuni inestetismi non permettono di vivere in armonia con sé stessi è opportuno ricorrere alla medicina estetica, per risolvere tali problematiche e ritrovare il proprio benessere psicofisico. Occorre rivolgersi a chi si occupa di cellulite verona, per individuare la terapia opportuna al fine di eliminare la cellulite.

Che cos’è la cellulite

Innanzitutto chiariamo che cosa si intende, quando si parla di cellulite. E’ in pratica una condizione di alterazione del micro circuito del tessuto adiposo sottocutaneo. La cellulite può venire sia per fattori ereditari sia per abitudini di vita errate. Ad esempio, il poco esercizio fisico facilita la comparsa di cellulite, così pure l’alimentazione non corretta o la dipendenza da fumo. La cellulite compare quando si forma del liquido tra le cellule adipose con la conseguente stasi linfatica e la formazione della pelle a buccia d’arancia.

La terapia Alidya

Oltre all’utilizzo di creme e di rimedi naturali, il trattamento estetico più in voga è quello iniettivo: si iniettano sostanzi antinfiammatorie, vasodilatatori, vitamine, sali minerali.La terapia Alidya, appunto,  è una mesoterapia che ripristina il microcircolo e contrasta la cellulite. Occorre sottoporsi ad una serie di sedute settimanali, durante le quali si effettua una iniezione intradermica strutturale di un insieme di sostanze in piccole dosi, attraverso degli aghi molto sottili. Le applicazioni in media sono otto, fino ad un massimo di dodici sedute. Queste ultime si effettuano una volta alla settimana, con una o due fiale, dipende da quando è estesa la zona da trattare. I risultati poi si potranno mantenere con una seduta ogni tot in futuro. I risultati permetteranno anche la diminuzione di qualche centimetro di circonferenza nella parte interessata. Al termine del trattamento, si potrà avere qualche rossore o livido che però sarà assorbito nel giro di qualche giorno.

Scegli sempre degli specialisti di Medicina Estetica!

Proprio perché non esiste una specializzazione nel campo della Medicina Estetica e di conseguenza non esistono titoli, molti medici svolgono questo ruolo senza averne le competenze adatte. 

Gli stessi chirurghi estetici non possono entrare in ambito della Medicina Estetica poiché non hanno le conoscenze giuste. Il ruolo della Chirurgia  Estetica si esaurisce nell’intervento stesso mentre il Medico deve saper anche consigliare la prevenzione degli inestetismi e deve soprattutto insegnare ai suoi pazienti, soprattutto i più giovani, a saper conservare e preservare il proprio patrimonio biologico.

Read Full Article

Negli ultimi anni sempre più spesso abbiamo sentito parlare di implantologia, una particolare tecnica dentistica attraverso la quale è possibile ovviare alla perdita di uno o più denti sostituendo la radice ormai inesistente con elementi in titanio che si integrano perfettamente all’osso e coprendo il tutto con una protesi fissa che permette di sentirsi maggiormente a proprio agio, esattamente come con i propri denti senza avvertire alcuna differenza.

 

Sebbene si tratti ormai di una tecnica abbastanza diffusa, sono ancora molte le persone che non conoscono nel dettaglio questo tipo di intervento e talvolta, in maniera ingiustificata, lo temono. Uno dei primi dubbi che molti hanno consiste nel dolore che si prova durante l’operazione dentale. In realtà si tratta di una preoccupazione infondata poiché l’intero intervento chirurgico viene svolto con un’anestesia locale attraverso farmaci appositamente realizzati per le operazioni odontoiatriche e quindi estremamente efficaci. Al termine dell’intervento, lo specialista prescriverà inoltre al paziente tutto quanto necessario sia ad evitare dolore nel post-operatorio sia a scongiurare infezioni quindi i rischi collegati a questa metodica sono estremamente bassi.

 

Grazie ai grandi progressi ottenuti in campo scientifico nella realizzazione di impianti dentali sempre più all’avanguardia, inoltre, è oggi possibile garantire ad ogni paziente con specifiche esigenze un trattamento mirato estremamente efficace che gli ridonerà il sorriso in pochissimo tempo e con risultati strabilianti. Tra i migliori strumenti a disposizione dei dentisti, gli impianti dentali israeliani rappresentano sicuramente un’eccellenza nel settore. Grazie ai tantissimi progressi di questo Paese nel settore della ricerca medica e farmaceutica, infatti, possiamo ad oggi considerare Israele una delle nazioni che maggiormente si distingue per la messa a punto di dispositivi medici all’avanguardia e tecniche di intervento che potremmo definire pionieristiche grazie, addirittura, a moderne stampe in 3D e sistemi tecnologici dentali in grado di ridurre drasticamente il rischio di contaminazione batterica e, di conseguenza, di infezioni potenzialmente pericolose per il paziente.

 

Proseguendo con quelli che spesso sono i dubbi dei pazienti relativamente all’implantologia, spesso ci si chiede se esista un limite di età per questa tecnica o che tipo di attenzione bisognerà avere nei riguardi della propria igiene orale ad intervento totalmente completato. Per quanto riguarda l’età, è bene sapere che l’implantologia dentale può essere effettuata senza alcun limite mentre per ciò che concerne la cura della protesi fissa inserita, nulla cambia rispetto alla normale igiene orale che tutti dovrebbero fare per i propri denti naturali quindi l’utilizzo quotidiano di uno spazzolino da denti adatto alle caratteristiche delle proprie gengive e del filo interdentale. Importanti, esattamente come nella prevenzione di disturbi dentali con denti naturali, anche il controllo periodico della bocca dal proprio odontoiatra in modo da essere sempre certi che la protesi sia in perfetta salute

Read Full Article

Le cellule somatiche sono costituite da un insieme di leucociti e cellule epiteliali. I leucociti vengono introdotti nel latte in risposta a un'infiammazione che può apparire a causa di malattia o, a volte, di lesioni. Le cellule epiteliali si staccano invece dal rivestimento del tessuto mammario.

Si chiamano cellule somatiche del latte quelle cellule che provengono dal sangue e dai tessuti della ghiandola mammaria, e ci consentono di conoscere i dati chiave sulla funzione e lo stato di salute della ghiandola mammaria. Ciò è  un criterio molto importante per determinare la qualità del latte  in allattamento, a causa della sua stretta relazione con la composizione del latte.

I batteri sono naturalmente presenti nell'ambiente in cui vive la mucca, nella sua pelle, nella mangiatoia, nelle pozzanghere d'acqua, etc., e riescono a penetrare nella mammella quando si verificano determinate condizioni per loro favorevoli. Una volta che i batteri attaccano le cellule all'interno della ghiandola mammaria, la risposta immunitaria del corpo è quella di inviare globuli bianchi per neutralizzare i batteri invasori. Questi globuli bianchi sono essenzialmente ciò che costituisce la conta delle cellule somatiche (CCS). Un elevato CCS nel latte delle singole mucche significa che i batteri hanno invaso la ghiandola della mucca. Questi batteri possono essere classificati come contagiosi (o ambientali), ovvero si diffondono tra i capezzoli di una mucca o tra mucche diverse in una stessa mandria a causa di pratiche di gestione inadeguate al momento della mungitura.

Le cellule somatiche sono semplicemente cellule dell'organismo (vari tipi di leucociti o globuli bianchi) che sono normalmente presenti nel latte, in basse quantità. Il verificarsi di un aumento del numero di queste cellule è un indicatore in risposta all'infezione in corso.

Pertanto, le cellule somatiche passano nel latte dal sangue e dal tessuto ghiandolare. Il contenuto di cellule somatiche nel latte ci consente di conoscere lo stato funzionale e di salute della ghiandola mammaria nel periodo dell'allattamento. A causa della sua stretta relazione con la composizione del latte, è un criterio di qualità molto importante.

Di tutte le cellule del latte in un ambiente infetto, circa il 99% sarà composto da leucociti, mentre il resto sarà costituito da cellule secretorie che provengono dai tessuti della ghiandola mammaria. Insieme, questi due tipi di cellule costituiscono il conteggio delle cellule del latte somatico che è comunemente espresso in millilitri.

Funzione delle cellule somatiche

Come sottolineato, il latte contiene cellule somatiche, che in una ghiandola sana sono presenti in quantità basse o moderate. L'importanza biologica delle cellule somatiche è che queste partecipano alla difesa immunitaria contro le infezioni della mammella. Quando ci sono stimoli o malattie della ghiandola mammaria, aumenta il numero di cellule somatiche.

Perché è importante il conteggio delle cellule somatiche?

Le perdite inerenti la produzione di latte non di qualità hanno ovviamente un grande impatto economico per chi lo produce. Da questo punto di vista, mantenere sotto controllo il numero di cellule somatiche nel latte significa per il produttore:

• Aumento della produzione di latte

• Meno latte di scarto

• Riduzione del costo relativi a farmaci e veterinario

• Meno lavoro

• Aumento della resa del prodotto finale

Per monitorare in tempo reale la quantità di cellule somatiche presenti nel latte in fase di produzione e lavorazione, gli strumenti commercializzati da Bentley Instruments rappresentano oggi la più importante risposta della tecnologia applicata al settore lattiero-caseario. Dispositivi quali BactoCount IBC & IBCm ad esempio, sono in grado di determinare la carica batterica latte crudo in maniera assolutamente precisa e affidabile, sfruttando la citometria a flusso.

Read Full Article

Utili consigli su come prevenire, curare ed evitare i brufoli.

Formazione dei brufoli

Che cosa causa la formazione dei brufoli

I brufoli non sono altro che un’infiammazione della cute causata dall’ostruzione dei pori a causa di sebo e cellule morte: questo crea la situazione ideale per il proliferare dei batteri, diretti responsabili dell’eruzione cutanea che saltano tristemente all’occhio quando ci si guarda allo specchio.

Ma non è tutto, poiché la presenza dei brufoli toglie luminosità e freschezza alla pelle.

Per questo motivo è bene dedicare al proprio viso i giusti trattamenti per averla sempre pulita e radiosa.

prevenire i brufoli

Prevenzione brufoli

I trucchi per evitare la formazione dei brufoli

Il famoso detto prevenire è meglio che curare è più che mai valido quando si parla di brufoli, in quanto queste antiestetiche e spesso dolorose escrescenze tendono a formarsi a causa di numerosi comportamenti sbagliati, tra cui:

Igiene sbagliata: se non il viso non viene lavato accuratamente per due volte al giorno (mattina e sera), le cellule morte e la sporcizia non vengono eliminate, ma al contrario tenderanno ad accumularsi e formeranno un terreno fertile per la formazione dei brufoli. E’ inoltre importante scegliere un detergente che rispetti il PH naturale della della pelle e che sia adatto alla sua tipologia (grassa, mista o secca). Non bisogna però esagerare con la detersione del viso, in quanto un lavaggio continuo priverebbe la pelle dei suoi oli naturali, rendendola in questo modo fragile e secca. Dopo la detersione è consigliata l’applicazione di una crema idratante nutritiva a base acquosa e non oleosa, in quanto quest’ultima ostruirebbe i pori.

Germi: i germi possono essere veicolati anche da mani e capelli. E’ buona abitudine, quindi, evitare di toccare continuamente il volto con le mani, note tane per i batteri. Lo stesso vale per i capelli, specialmente se unticci e poco puliti.

curare i brufoli

Regime alimentare: un fattore molto determinante per la formazione dei brufoli è proprio la dieta. Se ci si ciba di junk food, carni rosse, latticini (tutti cibi che appesantiscono il fegato in maniera considerevole), i brufoli si formeranno alla velocità della luce. Se invece si segue un regime alimentare equilibrato a base di frutta, verdura, pesce e giusta quantità d’acqua (almeno due litri al giorno), la pelle inizierà ad avere un aspetto decisamente migliore.

Stress: la vita frenetica è l’acerrima nemica di acne, punti neri e brufoli. Meglio dunque incanalare le proprie energie in attività sportive o di crescita personale come lo yoga o il training autogeno.

Spremere i brufoli: anche se potrebbe essere una tentazione irresistibile, la spremitura dei brufoli ne favorisce irrimediabilmente la formazione di altri, poiché i suddetti secernono dei germi contagiosi. Tutto questo si acuisce quando si schiacciano le pustole con le mani sporche e ci si tocca il viso. Se proprio non si resiste, è bene procedere in questo modo, ossia lavandosi accuratamente le mani e procedere con la spremitura utilizzando delle garze pulite o dei bastoncini di cotone (cotton fiocc). Un altro rimedio efficace è l’applicazione di un pò di dentifricio bianco sulla zona critica.

Read Full Article

In quest’articolo parleremo della liposuzione schiena, in cosa consiste e come si esegue.

Liposuzione schiena

In cosa consiste questo trattamento

La liposuzione schiena è un trattamento estetico volto ad aspirare il grasso accumulato in quest’area, il quale può consistere in antiestetici cuscinetti di grasso che creano dei rotolini a livello del reggiseno, creando in questo modo situazioni di disagio non indifferenti.

La schiena è infatti una zona molto sensuale nel corpo di una donna e la presenza di questi cumuli adiposi impedisce di tenerla scoperta.

Il grasso sulla schiena è suddiviso in differenti zone, ossia:
  • Il grasso infrascapolare (fianchi femminili) si trova sopra la vita e sotto le scapole. Questo è il grasso sgradevole che si gonfia appena sotto la spallina del reggiseno
  • Il grasso ascellare posteriore si trova sulla parte superiore esterna posteriore vicino all’ascella.
  • Il grasso della vita posteriore si trova sopra e posteriormente ai fianchi
  • Il cuscinetto adiposo lombo-sacrale si trova nella linea mediana della parte inferiore della schiena, appena sopra il coccige.
  • La gobba di bufalo costituita dal grasso situato sulla parte alta della schiena vicino al collo.
Il maggior vantaggio della liposuzione schiena è che il grasso non si andrà più a riformare nella zona in cui è stato asportato.

liposuzione schiena

Come si esegue

Come viene effettuata la liposuzione schiena

In base alle zone precedentemente menzionate, il chirurgo plastico procederà alla rimozione del grasso secondo la modalità più adatta, che può essere:

Sede infra-scapolare: è la zona della schiena appena sotto il reggiseno.  Il grasso in questa area è un singolo strato sottocutaneo, senza un ben definito scomparto di grasso più profondo. Quando un reggiseno stretto è usurato, questa zona tende a gonfiarsi in maniera più evidente. Alcune donne hanno una tendenza ereditaria a raccogliere il grasso nella zona infra-scapolare. Con il crescere del grado di  obesità la zona infra-scapolare può accumulare così tanto grasso che la pelle ed il tessuto sottocutaneo possono raggrupparsi formando rotoli paralleli di grasso. Mediante la liposuzione tumescente con microcannule è possibile rimuovere questo sgradevole grasso localizzato e fornire un importante miglioramento estetico. Dato che il grasso situato in questa zona è fibroso, è ben difficile da debellare con una dieta e molto spesso la liposuzione rappresenta l’unico rimedio efficace.

cos'è la liposuzione schiena

Vita posteriore: questa zona tende ad accumulare molto grasso e viene spesso trascurata durante gli interventi di liposuzione.

Gobba di bufalo: la gobba di bufalo tende a formarsi nelle persone in forte sovrappeso nella zona superiore della schiena, creando numerosi disagi quando si intende coricarsi o appoggiarsi ad uno schienale.

Grasso ascellare: il grasso ascellare consiste nella formazione di piccoli cuscinetti adiposi collocati sotto le ascelle e risaltano quando per esempio si indossa una canotta o un abito particolarmente scollato.

Per quanto riguarda le cicatrici della liposuzione, niente paura, poiché con i nuovi strumenti chirurgici le cicatrici hanno delle dimensioni di pochi millimetri e possono essere notate solo dal destinatario del trattamento.

L’intervento può essere eseguito tramite anestesia locale o sedazione e la durata può variare in base alla quantità di grasso da asportare. Generalmente viene eseguito in day hospital, pertanto si può tornare a casa dopo qualche ora.

Read Full Article

Per moltissimi le ferie sono ormai agli sgoccioli e questo significherà nella stragrande maggioranza dei casi tornare al solito tran tran quotidiano fatto di lavoro, famiglia, scuola e tanto altro. Dopo un meritato periodo di relax, però, il nostro organismo potrebbe risultare in qualche modo rallentato ed avere più difficoltà a riadattarsi alla classica vita di città fatta di ritmi totalmente diversi da quelli vacanzieri. Come ritrovare quindi la giusta carica per riprendere la quotidianità in vista dal rientro dalle ferie? Ecco qualche suggerimento e dei rimedi naturali per ritornare in forma smagliante in men che non si dica.

 

Parola d’ordine: orari regolari

Mentre in vacanza l’orologio diviene praticamente un optional e per molti fare tardissimo la sera e svegliarsi praticamente ad ora di pranzo diventa una routine, di rientro dalle ferie questo la sveglia che suona ad orari impietosi potrebbe rendere tutto più traumatico. Il consiglio è di ritagliarsi qualche giorno dopo le vacanze e prima di ritornare a lavoro o a scuola durante i quali “allenarsi” gradualmente ai normali ritmi tenuti durante tutto il periodo autunnale ed invernale. Impostate quindi la sveglia sempre alla stessa ora ed andate a dormire non oltre le 23. In questo modo l’organismo avrà la possibilità di ritornare gradualmente ai suoi ritmi normali in vista degli impegni che di qui a poco arriveranno. E se il sonno non arriva? Molto consigliate in questi casi delle tisane rilassanti, magari con melissa, valeriana e biancospino, e la lettura di un libro. Evitate, invece, smartphone e tablet che con le luci emesse dai loro schermi ritardano notevolmente l’arrivo di Morfeo.

 

Mancanza di energia? Provate con gli integratori

Se uno dei problemi principali al rientro dalle vacanze è una sensazione di stanchezza generale, forse è arrivato il momento di ricaricare le batterie e dare nuovo benessere al corpo con una buona dose di vitamine B. Per migliorare l’apporto di queste importanti sostanze nutritive, il cui compito principale è quello di aumentare il metabolismo energetico fornendo al corpo le risorse necessarie per essere sempre pronto e scattante, è necessario innanzitutto integrare nella propria alimentazione cibi che ne sono naturalmente ricchi come il tuorlo d’uovo, il tonno, il lievito di birra, i legumi, il riso integrale e la frutta a guscio. Se questo non dovesse bastare, è possibile ricorrere ad integratori specifici in grado di fornire le giuste quantità di vitamine del gruppo B aiutando, tra le altre cose, a migliorare la risposta del sistema immunitario in vista della stagione fredda.

Read Full Article

Prenderci cura della nostra abitazione è molto importante sotto vari aspetti. Dobbiamo tenere in conto, infatti, che le tubature, gli impianti idraulici sono soggetti a una naturale usura. Ne consegue che i ristagni possono causare danni piuttosto gravi all’abitazione. Che cosa fare a questo punto? Come possiamo risolvere e prevenire il problema?

Quando chiamare l’idraulico: i motivi

Nel momento in cui abbiamo un problema con lo scarico, con un’otturazione, una perdita o un allagamento, è indispensabile richiedere la presenza dell’idraulico. Fortunatamente, il servizio di pronto intervento idraulico è attivo 7 giorni su 7 e 24 ore su 24, per offrire un supporto alle persone che hanno bisogno nell’immediato.

Talvolta, quando non eseguiamo una manutenzione sugli impianti in modo continuativo, potremmo ritrovarci ad avere problemi alle tubature, soprattutto per quanto riguarda i ristagni di acqua, che sono molto dannosi non solo per l’abitazione, ma anche per la nostra salute.

Non possiamo sottovalutare assolutamente la manutenzione degli impianti. Da questo punto di vista, vivere in una casa salutare è davvero importante. L’unico modo per assicurarsi che sia sempre tutto privo di problemi e perfettamente funzionante è richiedere l’intervento dell’idraulico, che saprà cosa consigliarvi e come operare.

Grazie all’idraulico, avremo modo di controllare perfettamente gli impianti: vorremmo discutere dei ristagni, dei problemi alle tubature e soprattutto come rivolgersi al pronto intervento idraulico, un servizio che, come abbiamo visto prima, è attivo in maniera continuativa.

Problemi alle tubature? Nessun problema: c’è l’idraulico

Avere dei problemi alle tubature cause dei disagi non di poco conto. È uno dei motivi più frequenti per cui è richiesta la presenza di un idraulico specializzato. Oltre a questo, per esempio, l’idraulico risolve i problemi ai sanitari, di possibili allagamenti, di perdite di acqua silenziose.

Le perdite di acqua silenziose possono rivelarsi un salasso per la nostra bolletta. Si chiamano in questo modo proprio perché non ce ne accorgiamo: la gocciolina di acqua cade in maniera costante eppure non ci insospettisce, fino a quando non notiamo un aumento sulla bolletta. Da evitare, tuttavia, in ogni modo, sono i ristagni. Ma come è possibile farlo?

In caso di infiltrazioni di acqua, queste devono essere controllate da un idraulico. Le infiltrazioni possono essere dovute a una moltitudine di fattori: per esempio, le tubazioni condominiali. L’idraulico saprà in ogni caso individuare la causa dell’infiltrazione e del ristagno di acqua.

Se abitate in un condominio, dovete valutare di eseguire la manutenzione mensile alle tubazioni. È importante, poiché i ristagni causano numerosi problemi di salute; per esempio, la formazione di muffa o la proliferazione di batteri. A questo punto è importante capire come prevenire queste situazioni e soprattutto chi dobbiamo chiamare.

Evitare ristagni e danni alla casa: come fare?

Se temete che ci sia un ristagno in corso e avete notato dei problemi negli ultimi tempi, vi invitiamo a non aspettare, ma a prenotare un appuntamento con l’idraulico. Nel caso in cui ci sia un problema molto grave, è possibile richiedere invece il pronto intervento; in questo caso l’idraulico arriverà il prima possibile nella vostra abitazione.

Per capire come chiamare un idraulico, possiamo prendere a esempio il sito Idraulico-Rimini.com. Se abitate a Rimini, vi basterà digitare sui motori di ricerca la figura professionale che vi occorre e inserire anche il luogo, in modo tale da trovarlo immediatamente.

A tal proposito, è bene sempre informarsi sull’idraulico da chiamare. Possiamo ovviamente chiedere ai nostri amici, oppure ai parenti, ma è indubbio che, ad ogni modo, dovremo rivolgerci a un professionista del settore per evitare problemi. Come vi abbiamo suggerito prima, è anche possibile cercare delle informazioni su internet, oppure guardare dei siti per capire come lavorano i professionisti.

Read Full Article

Non so voi, ma sia che abbia avuto un raffreddore o la febbre o un semplice stanchezza, mia madre mi ha sempre ripetuto: “prendi le vitamine”. Ho sempre sottovalutato queste vitamine, pensando che fosse una frase fatta, una di quelle affermazioni che le persone sparano senza conoscere se siano vere o false. Ma dicono tutti così. Eppure, ahimè, mia madre aveva ragione. Le vitamine sono composti organici liposolubili e nutrienti essenziali che il nostro organismo produce in quantità limitate ed ha bisogno per cui di una integrazione per vie esterne. L’alimentazione è il modo primario per poter integrare vitamine nel nostro corpo. Ne sono ricchi gli alimenti di origine vegetale più di quelli animali. Un’eventuale alternativa alla supplementazione vitaminica tramite la dieta, sono i così detti integratoti alimentari, sotto forma di polveri, compresse o in forma liquida, fruibili sia in tutte le farmacie e le farmacie online come Farmacie Marconi, che in alcuni supermercati tra i più forniti.

Vitamine B

Le vitamine del gruppo B (dalla B1 alla B12) svolgono un ruolo fondamentale in molte attività funzionali del nostro organismo. Intervengono a livello del metabolismo cellulare, convertendo i carboidrati e glucosio, fonte di energia primaria per il nostro corpo, così da fornirla ai normali processi metabolici fisiologici come il metabolismo di lipidi e proteine. Costituiscono, inoltre, una funzione essenziale al corretto funzionamento del sistema nervoso, al tono muscolare dell’apparato gastrointestinale, a cute, capelli, bocca e occhi. Troviamo la vitamina B in un vasto gruppo di alimenti tra cui patate, ortaggi freschi, noci, tonno, banane e tanti altri. Una carenza di vitamina B si manifesta con sintomi molto chiari che includono secchezza della pelle, mancanza d’appetito, insonnia, stitichezza e acne. Ciò si può verificare sia in condizioni di dieta errata o per lo meno povera in nutrienti ricchi in vitamine; di un alto consumo di caffè, zucchero o alcolici; inoltre, lo stress può essere causa di una mancato assorbimento.

Vitamina E

Esistono otto tipi di vitamina E: 

  • i tocotrienoli (α, β, γ e δ); 
  • i tocoferoli (α, β, γ e δ). 

Il tocoferolo è un nutriente vitaminico fondamentale e vitale per l’uomo e potete antiossidante. La vitamina E inoltre, sembra regolare l’attività enzimatica di lipossigenasi e cicloossigenasi, enzimi coinvolti nella sintesi dei prostanoidi, molecole mediatrici dell’aggregazione piastrinica. Gli alimenti più ricchi in tocoferolo sono per lo più vegetali tra cui frutta, olio di canapa, olio di germe di grano ed olio d’oliva. È difficile sviluppare una carenza di questa vitamina, poiché esistono grandi quantità di riserve nel fegato, ma nel caso le cause possono essere malassorbimento o abetalipoproteinemia, rara malattia metabolica. Chi può svilupparla è, ad esempio, un neonato prematuro avendone scarsi depositi. In questo caso il bambino può sviluppare edema agli arti inferiori o anemia emolitica.

Read Full Article