Casa di riposo per anziani: i consigli da seguire per una scelta consapevole

Per molti anziani, soprattutto se non autosufficienti, è difficile se non impossibile rimanere all’interno delle proprie abitazioni nelle quali in tanti casi non si è in grado di fornire la giusta assistenza sanitaria al paziente.

 

La scelta di una casa di riposo, laddove fosse necessaria, è quindi un momento importante e delicato per l’anziano che deve essere ospitato all’interno di una struttura che sappia accudirlo amorevolmente e soddisfare tutte le esigenze terapeutiche di ciascuno.

 

In Italia sono presenti decine e decine di case di riposo sparse in tutto il territorio, in alcuni casi più periferiche mentre in altri casi più vicine al centro città. Se siete alla ricerca di una casa per anziani non autosufficienti a Bologna, ad esempio, potrete contare su diverse strutture più o meno centrali ricche di servizi pensati per un soggiorno felice di chi abbiamo a cuore.

 

Sebbene si tratti di una scelta non sempre semplice, esistono tuttavia una serie di parametri da tenere in considerazione. Conoscendoli, trovare la struttura più adatta per il proprio caro sarà sicuramente più facile.

 

Il primo aspetto da tenere in considerazione nella scelta di una casa di riposo, soprattutto se ci riferiamo ad anziani non autosufficienti, riguarda la predisposizione di un apposito piano di assistenza redatto a seguito di scrupoloso controllo medico effettuato sul paziente. Solo in questo modo, infatti, medici ed operatori sanitari avranno la possibilità di coordinare nel migliore dei modi tempi e modi delle terapie da somministrare all’anziano senza perdere mai di vista il suo massimo comfort.

 

All’interno di una casa di riposo deve inoltre essere presente la cosiddetta Carta dei Servizi, un documento il cui scopo è quello di illustrare nel dettaglio tutte le informazioni sulla struttura, sulla sua ubicazioni, sulle prestazioni assistenziali messe in atto, sull’eventuale presenza di servizi extra con un costo aggiuntivo, sulle modalità per presentare un reclamo alla direzione e tutti gli standard di qualità che ci si prefigge di raggiungere e mantenere.

 

Prima di scegliere una casa di riposo per anziani non autosufficienti bisognerà inoltre informarsi per tempo sulla presenza di medici ed infermieri anche nelle ore notturne, non sempre garantita in tutte le strutture, e sulla possibilità di ricevere assistenza durante i pasti.

 

Quando ci si trova a dover riflettere sullo spostamento di un anziano in una casa di riposo è fondamentale tenere a mente il disagio psicologico che tale trasferimento potrebbe causare nel paziente. Si tratta di un aspetto non secondario poiché gli anziani, da sempre legati alle loro abitudini e al calore della propria dimora, potrebbero vedere come una “violenza” l’idea di dover lasciare l’ambiente domestico per spostarsi in una struttura totalmente sconosciuta. È per questo che i parenti che si occupano del ricovero dovrebbero scegliere case di riposo non eccessivamente lontane dalla casa dell’anziano, comode da raggiungere per fare spesso visita alla persona ricoverata e che diano l’autorizzazione a spostamenti temporanei del degente presso la sua residenza in alcuni periodi dell’anno.

You might also like