tonguee

Il piercing alla lingua: tutto quello che è bene sapere prima di farlo

Il Piercing alla lingua ormai è diventato più popolare del tatuaggio, nonostante le controindicazioni dei medici che ne sottolineano da sempre un certo grado di rischio per una serie di fattori. Innanzitutto è provato che fare un piercing alla lingua può essere molto doloroso oltre a comportare una serie di rischi gravi per la salute dell’individuo.

Per effettuare iI piercing è necessario l’utilizzo di un ago sterile e ovviamente monouso, che servirà a perforare la lingua. Alcuni professionisti del settore lo realizzano dall’alto verso il basso, altri invece lo fanno perforando al contrario ossia dal basso verso l’alto. In realtà non cambia molto tra le due pratiche, la cosa fondamentale resta quella di affidarsi ad una persona competente e di fiducia che svolga l’operazione in modo professionale prestando la massima attenzione.

A tal proposito i dentisti lo sconsigliano di regola perché potrebbe scheggiare i denti ma anche perché può favorire suo malgrado delle infezioni piuttosto pericolose come l’epatite B e l’HIV che poi possono diffondersi per tutto l’organismo. Si sconsiglia anche l’uso di colluttori forti che potrebbero irritare molto la ferita, se proprio non potete fare a meno di utilizzarli dopo aver lavato i denti, è preferibile diluirli così da attenuarne la concentrazione. Ad ogni modo la prima regola per chi si appresta a fare il piercing alla lingua è di valutare una serie di elementi. Innanzitutto come detto in precedenza, bisogna affidarsi sempre ad un esperto e mai ad uno che si improvvisa tale, anche perché il piercing alla lingua va fatto nel massimo dell’igiene e quindi sempre e solo con un ago sterilizzato e in un centro che sia davvero specializzato.

Una volta fatto,  la zona dove è stato eseguito il piercing deve essere tenuta pulita e disinfettata per un massimo di 5 settimane per evitare infezioni. In quel caso si consiglia un collutorio specificio privo di alcool da applicare almeno 2-3 volte al giorno. Ovviamente è totalmente sconsigliata l’assunzione di bevande alcoliche e di nicotina che possono avere un’azione irritante sulla zona interessata. A tal proposito è nettamente sconsigliata l’assunzione di cibi troppo caldi e quindi è preferibile assumere alimenti liquidi ma soprattutto freschi come gelato e succhi di frutta.

Attenzione agli alimenti acidi, speziati e piccanti che possono causare un forte bruciore o un’irritazione.Per una pronta guarigione bisogna tenere sott’occhio il gonfiore causato dal piercing, sottolineando che è normale un leggero arrossamento. Magari si può provare con un piccolo cubetto di ghiaccio per accelerare la guarigione oppure con un medicinale anti-infiammatorio che spesso viene consigliato dal medico curante o dal farmacista.

Fonte: http://tatuaggipiercing.it/piercing

You might also like