Categoria: Bellezza

Negli ultimi anni, sempre più persone hanno scelto di sottoporsi ad un intervento di chirurgia estetica. Grazie ai continui passi avanti fatti dalla scienza, gli interventi sono diventati meno invasivi e meno rischiosi, avvicinando ancora di più i pazienti, che desiderano migliorare il loro aspetto fisico e, magari, allo stesso tempo migliorare il funzionamento di alcuni organi. Il rifacimento del setto nasale spesso non è solo una questione estetica, ma può migliorare la respirazione.

I chirurghi estetici creano nuove speranze, regalano alle persone una nuova immagine di sé stessi e della propria bellezza estetica. Lavorano per assicurare un risultato armonioso ed equilibrato, per migliorare l’aspetto del corpo in ogni sua parte. Secondo i medici, non esiste un momento ideale per sottoposi ad un intervento di chirurgia estetica, non c’è un “periodo più adatto rispetto ad un altro, almeno in linea generale. Tuttavia, esistono delle raccomandazioni che permettono di capire quando è effettivamente arrivato il momento di rivolgersi ad un chirurgo.

Vediamo insieme come fare per scoprire se è davvero necessario sottoporsi ad un intervento.

 

Prima della chirurgia estetica lavorare su sé stessi

La prima cosa da fare, prima ancora di prendere appuntamento con il medico, è chiedersi perché si è scelto di intervenire. Quali sono i motivi che spingono il paziente verso la chirurgia estetica? Il difetto che si vuole correggere è davvero così grave come si pensa oppure è frutto di una fissazione?  Convivere con questa imperfezione, significa rinunciare ad aspetti importati della propria vita? Esso è diventato davvero invalidante per i rapporti del soggetto con il mondo esterno?

Dalle risposte a queste domande derivano le certezze necessarie per affrontare un intervento con successo. Tantissimi pazienti sono spinti ad agire da un insieme di cose, spesso anche problemi di salute. Basta pensare ad una parte consistente degli interventi di rinoplastica, che risolvono anche diversi problemi respiratori. Chiedersi sempre quali sono i motivi che spingono alla chirurgia è fondamentale per così non avere dubbi in modo che si possa affrontare serenamente l’intervento e avere una reazione post-operatoria positiva.

 

Sottoporsi alla chirurgia estetica con consapevolezza e impegno

La chirurgia estetica non è una passeggiata, soprattutto per chi deve affrontare interventi lunghi e complessi. Prima di sottoporvi all’intervento, è bene che il paziente abbia tutto chiaro e che sia consapevole di tutti gli aspetti 

•             Che cosa comporta l’intervento? È molto importante che venga illustrato al paziente tutto il processo, con indicazione di quali operazioni verranno fatte dal chirurgo.

•             Sarà doloroso? Non tutti sopportano il dolore allo stesso modo, quindi è bene essere consapevoli del dolore che si potrebbe provare e quanto a lungo dovrebbe durare.

•             Quale sarà il tempo di degenza ospedaliera e a casa? Ci sono terapie specifiche che andranno seguite o preclusioni nei primi tempi dopo l’intervento? Un altro aspetto importante riguarda le conseguenze, per poterle affrontare in modo sufficientemente positivo. necessario per riprendersi.

Parlare con il proprio medico è sempre la soluzione ideale, soprattutto quando si è divorati dai dubbi. Il chirurgo può risolvere ogni incertezza e sondare se il paziente è davvero convinto della necessità di intervenire. La consapevolezza è la prima arma a vantaggio del paziente, l’elemento su cui puntare per riprendervi nel modo giusto.

Con determinazione e impegno, il periodo di riposo post-operatorio durerà il meno possibile.

Read Full Article

Avere un sorriso splendente è il sogno di tutti. Un bel sorriso luminoso ci rende più sicuri di noi e trasmette salute e positività. Con le faccette dentali tutto è possibile! Ma quanto costa rifare il sorriso? Andiamo a vedere subito tutto nei dettagli!

Cosa sono le faccette dentali?

Le faccette dentali sono degli involucri in ceramica o in composito molto sottili dallo spessore molto sottile di circa 0,5 – 0,7 millimetri applicati sulla superficie esterna dei denti anteriori dell’arcata superiore o inferiore per migliorare e perfezionare l'estetica del proprio sorriso. Con le faccette è possibile nascondere molti difetti come la forma del dente, il colore o la propria posizione.

Come si applicano le faccette dentali?

Prima di applicare le faccette dentali c’è tutto un percorso ben studiato dal medico dentista che viene intrapreso. Durante la visita preliminare il medico e il paziente esaminano la situazione di partenza e si accordano per ottenere il risultato desiderato. A seguito i denti vengono preparati e limati in modo da essere ridotti di volume così che quando le faccette saranno applicate il paziente non sentirà un maggior ingombro all’interno della bocca rispetto ai denti naturali. Si procede poi con il prendere l’impronta definitiva dei denti grazie alla quale verranno realizzate dal laboratorio odontotecnico le faccette dentali. Una volta pronte le faccette è il momento di cementarle sui denti naturali. Ma come si cementano le faccette dentali? La faccetta si cementifica tramite cementi di alta qualità e ad altissima tenuta. Il dente viene poi trattato con l’acido fluoridrico e rivestito con un adesivo così da permettere un’aderenza migliore della faccetta sullo smalto.

Quando non si possono mettere le faccette?

Le faccette purtroppo non possono essere indossate da tutti. Se ad esempio si soffre di bruxismo i denti possono col tempo indebolirsi e danneggiare le faccette in ceramica creando microfratture o addirittura scheggiature. Le faccette subiscono danni anche se si mordono cose molto dure andando a generare una forte pressione sulle protesi causandone lo scollamento o la caduta.

Faccette dentali: pro e contro

Come per tutte le cose anche per le faccette dentali esistono pro e contro. Tra i pro troviamo sicuramente:

  • Sorriso sempre bianco: le faccette sono molto resistenti alle macchie per cui non andranno ad ingiallirsi bevendo caffè, fumando ecc. e non avranno bisogno di essere sottoposte a sbiancamento;
  • Denti dritti: qualora ci fossero dei denti storti essi verranno coperti dalle faccette;
  • Smalto forte: qualora si avessero problemi con lo smalto dei propri denti corroso con le faccette tutto ciò verrà risolto sia dal punto di vista estetico che funzionale;

Ecco invece le controindicazioni faccette dentali:

  • Maggior sensibilità dentale
  • Procedura irreversibile

Faccette dentali: costo

Generalmente il costo faccette dentali 2021 oscilla dai 200 ai 600 euro a faccetta. Il prezzo varia in base al luogo, al professionista scelto ed al numero di denti da voler trattare. Ad esempio quanto costano 4 faccette per i denti? Il prezzo medio è di circa 1600 euro. Esiste una soluzione meno cara alla quale si può optare: le faccette no prep. Consistono in faccette sottilissime dallo spessore simile ad una lente a contatto ideali per migliorare il colore dei denti non troppo scuri.e non hanno bisogno di alcuna limatura del dente. Queste faccette dentali senza limare il dente hanno un costo nettamente inferiore alle faccette classiche per cui sono un'ottima opzione per chi vuole migliorare qualche dente senza spendere troppo. Possiamo trovare anche le faccette dentali in farmacia ma non costituiscono una soluzione permanente al problema e soprattutto non garantiscono un risultato perfetto.

Faccette dentali: recensioni

A discapito di ciò che si può leggere tra le recensioni, le faccette dentali non indeboliscono il dente bensì lo rinforzano. Affidarsi ad un professionista specializzato è però fondamentale. Il risultato è ottimale quindi sia dal punto di vista salutare del dente che dal punto di vista dell’estetica del sorriso. Tanti sono i risultati di faccette dentali prima e dopo da poter consultare. Dai un’occhiata qui!

Read Full Article

Come si fa a sapere quali sono i migliori pennelli da trucco da utilizzare? Le proposte sul mercato sono davvero numerose, con soluzioni differenti non solo in base alla forma, ma anche in relazione alla densità e alla lunghezza delle setole. I pennelli da makeup per il viso sono ideali per avere contorni impeccabili, e tra questi non può mancare il classico pennello per fondotinta: piatto e largo, è quello che occorre per stendere il fondotinta liquido in modo omogeneo. Nulla di troppo difficile, per altro: tutto quel che si deve fare è versare sul dorso della mano una goccia di fondotinta per poi prelevarla con il pennello, che potrà essere utilizzato per stendere il prodotto sul volto. Il consiglio è di effettuare movimenti piccoli, iniziando dalla parte centrale del viso per poi andare verso l’esterno, avendo cura di prestare attenzione alla zona del contorno occhi e a quella dei lati del naso.

Perché scegliere un set di pennelli makeup

Gli esperti sono concordi nel sostenere che acquistare un set di pennelli makeup è sempre un ottimo compromesso: in questo modo si hanno a disposizione tutti i supporti necessari per truccarsi con facilità. Per esempio, il pennello per la cipria, che è soffice e grande al tempo stesso. In molti casi è arrotondato, e si può usare per applicare non solo la cipria, ma anche il fondotinta minerale. È sufficiente adoperare il pennello per prelevare il prodotto, che andrà poi picchiettato in maniera leggera contro il dorso della mano, così da far cadere la quantità in eccesso. Quindi si può procedere con l’applicazione sul volto, sempre attraverso movimenti circolari.

A che cosa serve e come utilizzare il pennello kabuki

Un altro dei pennelli per truccarsi che meritano di essere inseriti nella lista dei must have è il kabuki: si tratta di un pennello arrotondato e di grandi dimensioni, con setole piuttosto dense. Esso ha il pregio di garantire una copertura perfetta e omogenea; vi si può ricorrere per l’applicazione, sia sul corpo che sul volto, di prodotti in polvere quali blush e bronzer. Da non dimenticare, poi, il kit di pennelli per il contouring; caratterizzati da una punta arrotondata, sono morbidi e vanno impiegati per un incarnato sublimato. Nel dettaglio, il pennello più piccolo serve a mettere in evidenza le zone d’ombra e a modellare l’ovale in maniera precisa, mentre quello più grande può essere adoperato su tutto il volto con qualunque formula in polvere.

Gli altri pennelli makeup da avere

Infine, vale la pena di citare il pennello per blush e quello illuminante: il primo è affusolato e obliquo, di piccolo formato, utile per scolpire gli zigomi e conferire alle guance un tocco rosato; il secondo, invece, è obliquo e morbido, caratterizzato da setole sintetiche e delicate, e consente di applicare l’illuminante sul naso, sugli occhi e sugli zigomi. Per usare il blush, è necessario prelevarlo e far cadere il prodotto in eccesso, per poi stenderlo sulle guance eseguendo dei movimenti non troppi ampi dal centro in direzione dell’esterno.

Read Full Article

Ebbene sì, ormai la canapa e i suoi derivati trovano ogni giorno un nuovo impiego vantaggioso al servizio della salute e dei bisogni dell’uomo. Ed è arrivato il momento per questi prodotti di avere il loro spazio anche nell’ambito della cura della bellezza, sia del viso che del corpo.

La cura della persona è ormai una attività che ha scavalcato tutti i confini esistenti, sia quelli di sesso che di età, e sempre più persone al giorno d’oggi hanno una beauty routine giornaliera ben consolidata e sono sempre alla ricerca di nuovi prodotti che possano portare benefici alla propria pelle.

Ecco perché l’azienda Marigrace propone una serie di cosmetici naturali con olio di canapa e CBD che permettono di apportare tantissimi benefici alla pelle del viso e del corpo, ma anche dei capelli. Vediamo allora subito nel dettaglio quali sono i benefici che l’olio di canapa riesce a garantire a chi lo utilizza per la propria bellezza.

 

Gli effetti benefici dell’olio di canapa e del CBD

Innanzitutto proviamo a conoscere meglio questo prodotto: l’olio di canapa non è altro che un olio ottenuto dalla spremitura a freddo dei semi di canapa. Il CBD, ovvero il cannabidiolo è un principio attivo non psicotropo estratto da questa pianta, già conosciuto per gli svariati effetti benefici sulla salute dell’uomo, dalla cura contro l’ansia e lo stress fino a patologie ben più serie. Nell’antichità, erano molte le popolazioni che utilizzavano i derivati della canapa nella naturopatia.

Questo principio attivo permette anche di ottenere una pelle più sana, giovane e splendente. Come fa? Innanzitutto le sue proprietà gli permettono di adattarsi alla maggior parte dei tipi di pelle, il che è già un buon vantaggio.

Infatti esso va ad idratare profondamente la pelle senza però andare ad ostruire i pori, il che permette di regolare la produzione di sebo della pelle, sia essa scarsa o troppo eccessiva. È quindi adatto per chi vuole combattere l’acne, ma anche altri tipi di infiammazione della pelle. Nell’olio di canapa sono infatti contenuti una serie di antiossidanti naturali, come l’acido gamma linolenico.

I prodotti a base di olio di canapa offerti da Marigrace offrono inoltre la possibilità di agire anche contro l’invecchiamento. Utilizzarli con costanza, tutti i giorni, porta infatti a ritardare la comparsa dei segni del tempo, come le rughe e le macchie tipiche della pelle di chi ha ormai una certa età.

I componenti dell’olio a base di CBD contengono altri acidi oleici, come il summenzionato acido linolenico, che non sono prodotti dall’organismo umano ma sono molto utili alla cura della pelle. Il loro utilizzo, può portare benefici come la riduzione delle rughe presenti sulla pelle e il ritardamento della formazione di nuove.

 

I prodotti per la bellezza a base di olio di CBD

Che prodotti si possono utilizzare per la propria bellezza a base di CBD? Marigrace offre sul proprio sito web molti prodotti validi tra cui scegliere. Ci sono infatti creme per il viso da giorno e creme ricostituenti e idratanti, che possono aiutare la pelle ad apparire più giovane e bella. Ma non solo, sono disponibili anche bagno gel e shampoo, che possono essere anch’essi usati tutti i giorni per ringiovanire e curare la pelle del corpo e i propri capelli.

Read Full Article

I nuovi canoni di bellezza oggi posti in auge in TV o sui social, hanno mostrato l’importanza della cura della persona. Ovviamente non fa eccezione la pelle, che andrebbe nutrita e coccolata, non solo usando i prodotti giusti, ma anche seguendo pochi semplici ma efficaci passi.

Non stare troppo al sole

Per avere una pelle sana non dovresti stare troppo tempo al sole. Si stima che circa il 90% dell'invecchiamento della pelle sia causato dal sole , in particolare per le persone con la pelle più chiara (!), Per non parlare del rischio ancora più spaventoso di cancro della pelle. Considerando che è un numero piuttosto elevato, è meglio limitare l'esposizione al sole o cercare l'ombra quando esci. Quando tornerai a casa cura la tua pelle e puliscila con una spazzola, tipo una spazzola MEWA

Dormire su una federa di seta o di raso

Lo sapevi che puoi provocare le rughe mentre dormi? Se dormi di lato, ti capita di sfregare il viso nel cuscino, creando attrito tra la pelle e il tessuto. Questo crea pieghe che possono provocare rughe poiché può capitare di rimanere in quella posizione per molte ore. Tuttavia, se dormi su una federa di seta, il tessuto permette alla tua pelle di "scivolare", riducendo al minimo la possibilità di creare rughe. È anche ottimo per prevenire i capelli crespi!

Bere acqua

Pur non idratando direttamente la pelle, l’acqua aiuta tutto il corpo a funzionare meglio. Aiuta il fegato a eliminare le tossine dal corpo, riduce il gonfiore, aiuta con la funzione renale (che a sua volta aiuta le occhiaie ad apparire più chiare) e può persino aiutare le condizioni della pelle come la psoriasi e l'eczema.

Come puoi sapere se non stai bevendo abbastanza acqua? Controlla la tua pipì! Se è un'ombra profonda di ambra è ora di bere. Il colore della limonata è l'obiettivo.

Non stressare il viso

Anche se sei tentato a schiacciare un brufolo, cerca di non farlo perché puoi creare danni alla pelle molto più duraturi di quanto valga la gratificazione istantanea. In primo luogo, c'è un tipo di acne chiamata acne meccanica, che è causata dall'attrito provocato dal contatto con il viso e dalla spinta di olio e batteri nel poro. In secondo luogo, stuzzicare una bollicina o una crosta può provocare una cicatrice irreversibile o una macchia marrone chiamata iperpigmentazione post-infiammatoria.  Lava il viso con acqua tiepida ed effettua una corretta detersione senza spogliarlo completamente della patina protettiva che i pori creano per difendersi dai batteri e dallo sporco.

Read Full Article

Il mirtillo nero, che è un piccolo frutto dotato di numerose proprietà benefiche per l'organismo, trova largo impiego in dermocosmesi per le sue efficaci prestazioni sull'apparato tegumentario.

  1. Proprietà del mirtillo nero

  2. Che cos'è la linea Myrtillus Cares

  3. Benefici derivanti dall'impiego dei prodotti Myrtillus Cares

 

1. Proprietà del mirtillo nero

Il mirtillo nero, una pianta arbustiva che cresce allo stato selvatico sugli Appennini, produce piccole bacche che, per i composti in esse contenuti, sono in grado di supportare molte funzioni organiche.

I suoi principi attivi sono: gli antociani, molecole glicosidiche con forti poteri antiossidanti; i tannini, dotati di proprietà vasocostrittrici e antinfiammatorie e l'acido ascorbico (vitamina C), la cui presenza è indispensabile per la sintesi del collagene.

Si tratta di sostanze particolarmente utili a mantenere in buono stato la pelle, non soltanto dal punto di vista estetico, ma anche funzionale e metabolico.

 

2. Che cos'é la linea Myrtillus Cares

La linea Myrtillus Cares, realizzata dalla farmacia bergamini e commercializzata dalla Scienza della Salute, comprende un insieme di preparati per l'igiene e la cura della persona, che sfruttano le efficaci potenzialità del mirtillo nero.

Si tratta di cosmetici naturali che utilizzano estratti di mirtillo nero, una pianta che cresce spontaneamente sulle pendici appenniniche in provincia di Modena.

I prodotti Myrtillus Cares per il corpo comprendono doccia shampoo, latte idratante e detergente intimo, mentre quelli per il viso sono una crema nutriente protettiva, una rimpolpante, una crema viso-occhi liftante e una mousse detergente delicata.

Tutti contengono vero succo di mirtillo biologico, associato con altri principi attivi naturali, la cui azione sinergica contribuisce a ottenere un miglioramento dell'aspetto della pelle, visibile già dopo poche settimane d'impiego.

 

3. Benefici derivanti dall'impiego dei prodotti Myrtillus Cares

I prodotti della linea Myrtillus Cares sono particolarmente ricchi di nutrienti e di sostanze naturali in grado di migliorare l'aspetto dell'incarnato, che appare più omogeneo, tonico e idratato.

Gli antociani, che sono le molecole responsabili della colorazione blu dei frutti, esercitano una potente attività anti-ossidante, combattendo i radicali liberi e rallentando i processi d'invecchiamento cellulare.

I polifenoli si rivelano ottimi alleati della funzione circolatoria, dato che, agendo sulla permeabilità dei capillari, ne riducono la fragilità, contrastando l'insorgenza di discromie cutanee su viso e corpo.

Un impiego regolare dei prodotti Myrtillus Cares, disponibili presso La Scienza della Salute, garantisce un effettivo miglioramento dell'epidermide di viso e corpo, apprezzabile sia dopo pochi giorni, sia nel lungo periodo.

Read Full Article

La moda risponde puntuale come ogni anno: tessuti, materiali e colori si aggiornano per risaltare le affascinanti sfumature della natura. Tra le nuove nuance di smalti per unghie nelle nuove collezioni dominano i colori metallizzati.

Il metallico è diventato un must della moda, inteso sia come cromatura degli abiti sia come materiale per creare borse e accessori. I colori metallizzati hanno la capacità di spiccare ed essere cangianti: così neanche in autunno si passa inosservate e lo stile non è mai scontato.

Se prima si accostava istintivamente l’idea del metallizzato unicamente al silver e quindi ad un colore freddo, oggi invece le migliori aziende di smalti per unghie propongono un pattern di colori metallizzati adatti per tutti i gusti ed esigenze.

Collezioni smalti per unghie: le nuance metallizzate

Il silver metallizzato è il più scelto tra i nuovi smalti per unghie. Esalta il carattere sicuro e deciso, s’intona con molti generi d’abbigliamento, dall’elegante originale allo sportivo grintoso. Tra i silver, si distinguono il silver perlato, più chiaro, per una carnagione scura e il silver scuro, che invece è più adatto a carnagioni chiare e ad unghie corte.

Il  rosso porpora metallizzato è adatto alle donne desiderose di affermare la propria femminilità. A seconda del brand, il rosso metallizzato può tendere verso il fucsia o verso il rosso borgogna. Con un outfit formale ed elegante, il rosso porpora su mani e piedi dona un tocco di ricercata femminilità ed è apprezzato dagli uomini. Utile consiglio: abbinare il rossetto della stessa tonalità, il risultato è veramente strepitoso.

Il verde metallizzato è un esplicito richiamo alla natura. È un colore che diverte ed esprime voglia di osare. Si abbina facilmente con molti stili di abbigliamento ed è adatto a tutte le età, sebbene sia più utilizzato tra le teenager.

Il viola metallizzato non può mancare nella collezione di smalti per unghie nelle nuance d’autunno. È un colore che esprime un carattere rock, un po’ trasgressivo ma può rappresentare un’ottima scelta se si vuole sdrammatizzare un outfit altrimenti troppo rigido o convenzionale. Molto in voga il viola metallizzato color melanzana o la nuance che si avvicina all’uva o al mirtillo. Colori perfetti per l'autunno. Chi ha detto che con i primi freddi non si possano osare tinte diverse da quelle classiche?

Una raccomandazione: i cosmetici allietano le nostre vite ma occorre fare sempre molta attenzione: scegli sempre uno smalto buona qualità, dalla composizione chimica certificata e non solo sarai bella, ma tutelerai la tua salute.

 

Read Full Article

Per la cura del viso è importante utilizzare prodotti naturali e gestire con attenzione gli aspetti legati all'alimentazione, all'idratazione e alla depurazione del corpo Con la bella stagione abbiamo molte più occasioni per stare all'aria aperta ed esporre il viso alla luce del sole: questo è sicuramente il momento migliore per dedicarsi alla cura del viso, per ottenere una pelle morbida e luminosa. Durante la stagione invernale la pelle del viso è stata esposta all'aria fredda e alle temperature rigide (e non dimentichiamoci l'inquinamento che nelle città in inverno raggiunge livelli molto alti), mentre nella bella stagione bisogna fare più attenzione al sole, che può essere un toccasana per la pelle se preso con le giuste accortezze: mai esporsi senza un'adeguata protezione, scottature ed eritemi sono sempre in agguato come descritto nell'articolo approfondimento su Curarsi al naturale! Abbiamo già visto alcuni rimedi naturali per la cura del viso e di particolari problemi che possono affliggere questa zona del derma (in particolare borse sotto gli occhi  e acne) ma è importante ricordare come la bellezza della nostra pelle cominci da dentro: per la cura del viso sono molti importanti l'idratazione, la giusta alimentazione e la depurazione dalle tossine.

 Idratazione, vitamine, depurazione: la prima cura del viso

La cura del viso comincia dalla cura del nostro corpo nel suo complesso: per avere una pelle luminosa, tutto il nostro organismo deve essere in salute. Per questo motivo le prime regole da seguire sono quelle di base per mantenere il proprio corpo in salute: idratazione (almeno 1 litro e mezzo o meglio 2 litri di acqua al giorno), giusta alimentazione (ricca in particolare di vitamina C ed E, indispensabili per la bellezza della cute) e depurazione dalle tossine (la soluzione migliore in questo caso è di scegliere fra le tecniche di depurazione dolce quella più adatta alle proprie abitudini).

Cura del viso: una terapia naturale

Per la cura del viso è possibile utilizzare dei semplici prodotti naturali: utilizzati nel modo corretto possono dare al nostro viso una luce nuova e splendente.

 Prima tappa: preparare

Per preparare la pelle del viso al trattamento naturale è utile far bollire una tazza di acqua con una bustina di camomilla e per circa 5-7 minuti esporre il viso ai vapori, in modo che i pori della pelle si dilatino dolcemente.

Seconda tappa: esfoliare

Per preparare uno scrub efficace nel rimuovere le cellule morte ma allo stesso tempo delicato basta mescolare:

  • 1 cucchiaio di miele;
  • 1 cucchiaio di fecola (se la pelle è particolarmente delicata) o di farina d'avena (se è necessario uno scrub più efficace);
  • qualche goccia di succo di limone (che grazie all'acido malico schiarisce la pelle).

Il composto va steso sul viso (evitando il contorno occhi e bocca) e risciacquato con acqua tiepida.

Terza tappa idratare

Dopo l'esfoliazione è giunto il momento di idratare la pelle del viso. Per preparare una maschera nutritiva delicata basta mescolare:

  • 1 cucchiaio di yogurt intero;
  • 1 patata bollita e schiacciata.

Dopo avere applicato la maschera sul viso dovrete lasciarla in posa circa 15 minuti e poi risciacquare con acqua tiepida e la pelle del viso sarà depurata e luminosa. La depurazione e i rimedi naturali sono alleati preziosi della nostra bellezza.

Read Full Article

L’estate è ormai alle porte e a tutti piace avere la pelle almeno un po’ abbronzata, durante la stagione delle vacanze. Il sole è fondamentale per permetterci di sintetizzare la Vitamina D, senza la quale andremmo di sicuro incontro allo sviluppo di diverse malattie.

È anche vero, però, che è necessario abbronzarsi con moderazione, perché per quanto possa essere bello avere una pelle abbronzata, dobbiamo ricordare che il sole è dannoso e i suoi effetti possono essere davvero molto gravi, se non si osservano alcune regole fondamentali durante l’esposizione ai suoi raggi.

Quali accorgimenti adottare per l’esposizione al sole?

Bisognerebbe valutare a quale fototipo si appartiene e di conseguenza regolarsi in base alle proprie caratteristiche. Per esempio, se sono un fototipo 1, con carnagione chiara e occhi chiari, dovrò fare molta più attenzione rispetto agli altri fototipi, in quanto vado incontro a scottature anche nei momenti della giornata nei quali il sole non è ancora alto.

Ciò non significa che chi ha una carnagione con fototipo 2 o 3 possa esporsi al sole ad orari centrali della giornata ma sicuramente sarà meno esposto a fastidiose scottature, avendo una carnagione differente.

Quali sono gli orari più indicati per l’esposizione al sole?

Ad ogni modo, gli orari migliori per una corretta esposizione al sole, solo quelli che vanno dalle prime ore del mattino, fino alle 11.30 circa, momento nel quale sarebbe bene fare una pausa e ritirarsi al coperto almeno fino alle 16.30, quando i raggi del sole iniziano ad essere meno diretti, in modo da scongiurare il rischio di insolazioni o danni alla pelle.

Crema solare e gel

Sarà ottima cosa l’uso di una buona crema solare che abbia un fattore di protezione che inizi almeno da 20 fino ad arrivare a 50 + per i bimbi più piccoli e per le persone molto chiare di carnagione. Sarebbe meglio spalmarsi la crema almeno 15 minuti prima dell’esposizione al sole e di frequente durante l’arco della mattinata, perché sudando e facendosi il bagno, gli effetti protettivi della crema, diminuiscono.

Sono molto buoni anche i gel, più freschi delle creme e sempre di facile applicazione. Anche questi presentano diversi filtri solari adatti a tutte le carnagioni. Sono trasparenti e di facile assorbimento. Tra i migliori gel auto abbronzanti ricordiamo Ultra Bronze (sito ufficiale: https://ultrabronze.eu): si tratta di un gel che permette di abbronzare la pelle in pochi minuti e renderla dorata.

Quali sono i rischi di una scorretta abbronzatura?

Tra i danni cosiddetti minori, possiamo citare l’accentuazione di rughe d’espressione, secchezza della pelle e comparsa di macchie solari ed eritemi. Sono tutte cose fastidiose ma gestibili.

Si può arrivare ad avere invece, problematiche più serie e tra queste la comparsa di un melanoma, ovvero un cancro alla pelle. I tumori alla pelle possono essere di differente tipo e gravità.
Sebbene i tumori sorgano per cause che dipendono da differenti fattori, è appurato dalla stessa comunità scientifica, che una parte fondamentale nella loro comparsa, la facciano anche i raggi UV. Per questo motivo è sempre bene proteggersi in modo adeguato: crema o gel solare adatti, occhiali per proteggere gli occhi, anche essi sensibili alla luce, cappello con la falda, indumenti non troppo scuri e non stare al sole durante le ore più calde della giornata.

Read Full Article

Capelli bianchi? Questi i migliori rimedi per coprirli

Siamo sinceri, a meno che non si è Richard Gere, Sean Connery o Yasmina Rossi, i capelli bianchi creano molto poco fascino e danno un aspetto di abbondante, troppa vecchiaia. Le persone più fortunate devono interfacciarsi con questo problema solo con l’avanzare degli anni, altre invece vedono comparire i primi segni della canizie già intorno ai trent’anni, se non anche prima. A meno che l’origine di questo inestetismo non sia dovuto a una specifica ereditarietà genetica, di solito la causa dell’incanutimento è legata a fattori biologici, di stress, ormonali, di circolazione sanguigna e di alimentazione. Vediamo i rimedi migliori per ogni causa.

I rimedi contro i capelli bianchi dovuti a fattori biologici

Con l’avanzare dell’età i capelli imbiancano perché nei follicoli piliferi diminuisce la melanina. Quest’ultima è un pigmento che, proprio come succede con la pelle quando ci abbronziamo, serve a scurire i capelli e far loro assumere il colore che li contraddistingue. Man mano, purtroppo, la melanina contenuta nei follicoli piliferi tende a calare e quindi i capelli iniziano a perdere pigmentazione e si imbiancano. 

Quando ormai il nostro corpo non ne vuole più sapere di produrre melanina e iniziano a moltiplicarsi i capelli bianchi, il rimedio più efficace è quello di coprirli con colorazioni permanenti. Non tutte le tinte sono aggressive ed esistono prodotti privi di ammoniaca e di altri agenti aggressivi, oppure contengono sostanze che nutrono il capello e bilanciano la destrutturazione provocata dalla tintura, clicca qui per maggiori informazioni e saperne di più sulle tante possibilità del mondo delle colorazioni.

Chi non vuol sentir parlare di tinture, può anche provare prodotti totalmente naturali o i classici trucchetti della nonna. Per scurire i capelli si può per esempio ricorrere al rimedio a base di cacao o di caffè, basta miscelare uno dei due ingredienti col miele per ottenere una maschera scurente da lasciare in posa sui capelli per circa un’ora.

I rimedi contro i capelli bianchi dovuti all’alimentazione

Alcune vitamine fondamentali, come la B, metalli, come ferro e rame, e non metalli, come lo iodio, aiutano a rallentare la comparsa dei capelli bianchi. Avere una dieta sana e un’alimentazione varia possono ritardare la canizie perché si mantiene il corpo sano, favorendone il corretto funzionamento ed evitando la comparsa di problemi collaterali. 

Per la salute generale dei capelli non devono mai mancare le proteine, da cui si ottengono gli aminoacidi, i quali assolvono a diverse funzioni e favoriscono, inoltre, la produzione della melanina. Prima di proseguire è bene chiarire che se i capelli diventano bianchi c’è ben poco da fare, la produzione della melanina non può essere riportata indietro ma, come abbiamo visto, rallentata (nel frattempo l’uso delle tinture copre i primi segni della canizie).

I rimedi contro i capelli bianchi dovuti allo stress, a problemi ormonali o di circolazione

Nel caso in cui i capelli bianchi siano invece dovuti ad altri fattori, e uno dei campanelli d’allarme è la loro comparsa fin troppo prematura, il rimedio non può consistere nelle sole tinture perché è importante risolvere il problema alla radice. Lo stress, i problemi ormonali o la cattiva circolazione sanguigna possono causare la comparsa dei capelli bianchi. Per tutte queste cause il consiglio è quello di rivolgersi a un medico, anche se alle volte bastano piccole accortezze per migliorare la condizione fisica e scongiurare l’avanzare dell’incanutimento.

 

Read Full Article